Subscribe via RSS Feed
Banner AdEthic

Un taxi (non musulmano) per favore

Come si fa a conciliare i diritti di chi professa una certa religione e pensa che il porre in essere certi atti nell’ambito del proprio lavoro lo ponga in contrasto con i principi della stessa e i diritti di chi vuole usufruire dei servizi prestati da quest’ultimo, indipendentemente dalla religione dallo stesso professata? Il problema si sta ponendo in maniera sempre crescente, nelle nostre società sempre più multiculturali e multireligiose.

Un esempio ce lo offre il Los Angeles Times: a Minneapolis, molti taxisti somali di religione musulmana si rifiutano di far salire sui loro automezzi non solo chi ha con se alcolici, ma anche chi emana odore di alcol. Il problema, anche solo numericamente, non è di poco conto: circa il 70% degli oltre 900 tassisti che lavorano nella tratta compresa tra Minneapolis ed il vicino St. Paul International Airport sono infatti immigrati somali e negli ultimi cinque anni a ben 4584 clienti è stato negato l’accesso a bordo dei taxi per i motivi sopra indicati.

Sono problemi. Che non si risolveranno certo domani, quindi ne riparleremo di sicuro.

Category: Islam, Società e religioni

Commenti (0)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. già perché vomitano in taxi, oltre tutto!

    Qui da noi si rifiutano, anche se in teoria non potrebbero, in USA non si rifiutano mai anche se sei totalmente sbronzo, mai e poi mai, e però si incavolano. E’ vero che danno una mancia in più, ma non è abbastanza.

    Per me questo è essenzialmente un modo pratico, travestito da motivo religioso, per non far salire chi sporca il taxi.

  2. donmo scrive:

    Magari fosse solo così, ma temo che la cosa non sia così semplice

  3. mah, forse hai ragione, ma la religione la usano in abbondanza per tutto: si giustifica tutto col fattore religioso. E chi osa essere così scorretto, e anticostituzionale, da mettersi contro i musulmani? O gli induisti, o i cattolici e così via..

  4. donmo scrive:

    Mah, non so: sarebbe in effetti interessante vedere quanto “paga” mettersi contro le religioni a seconda della loro influenza. E’ una cosa su cui prima o poi indagherò.

Leave a Reply




If you want a picture to show with your comment, go get a Gravatar.